Come scrivere un articolo in 12 facili passaggi

Scrivere un articolo sembra semplice, ma potrebbe diventarlo sicuramente seguendo questi semplici passaggi.

Scrivere un articolo è il cruccio di tutti quelli che lavorano sul web, perché Mr Google premia chi fornisce contenuti di qualità. È anche vero che non tutti sono in grado di scrivere.

Si può essere bravi nella gestione di un sito web, nell’organizzazione dei Social, nell’analisi dei dati nella SEO On Page o anche Off Page, ma nella scrittura ci può essere qualche difficoltà, allora come fare?

Basta seguire questi semplici passaggi ed avrai un buon risultato tra le mani, poi se il tuo problema è anche quale titolo scegliere allora potresti dare un occhiata a questo articolo come scrivere un titolo per un post.

[Ma prima di andare avanti deve dare la menzione a due lettori temerari Andrea e Matteo Bersan per aver letto per intero lo scorso articolo, “Sito di ricette che non c’è, ma che ha un grande Successo“]

come scrivere un articolo in 12 passaggi

Comincio con questa breve descrizione……come scrivere in 12 passaggi

1- Obbiettivo

scrivere un articolo obbiettivoScrivere un articolo senza sapere cosa voler comunicare è la cosa peggiore che si possa fare. Quando si comincia a scrivere si deve avere ben chiaro qual’è l’obbiettivo.

Questo ragionamento non è legato al tipo di articolo, ma qualsiasi cosa si scrive deve avere un finale, o meglio deve suscitare qualcosa in chi legge, emozione, interesse, istruzione ecc.

Quindi prima d’iniziare a scrivere pulisciti la mente, comprendi bene cosa ti viene chiesto, e trova il tuo obbiettivo di scrittura!!!

2 – Perché

Quando hai un idea, oppure ti viene proposta un idea, chiedi sempre il perché, poniti sempre il problema del perché, solo così potrai ottenere il centro dell’idea e potrai spiegarla al meglio al lettore.

3 – Cerca dati ed esempi

scrivere un articolo cerca dati e esempiQuando scrivi un articolo cerca sempre di testimoniare con i fatti quello che dici, perché scrivere un articolo non significa solamente mettere delle parole insieme e creare delle teorie.

Creare delle teorie va bene, ma se queste vengono sostenute, avallate, da una serie di esempi e dati l’articolo sarà molto più interessante.

4 – Organizza

Scrivere un articolo organizzaQuando ti trovi a scrivere un articolo, in mente ti arrivano tante idee, proposte. Prendi tutto il materiale che hai raccolto, compreso le tue idee e organizza tutto.

Raccolto tutto il materiale, adesso poniti la domanda, che tipo di articolo scrivere, una guida, un comunicato, una pagina business ecc perché ogni tipologia di articolo ha la sua struttura e il suo linguaggio.

5 – Scrivi ad una persona

Scrivere un articolo scrivi ad una personaScrivere un articolo rivolgendoti ad una singola persona è la miglior cosa che tu possa fare.

Immagina d’avere davanti la persona a cui spiegare quello che stai per scrivere. Elimina lo stile impersonale, il voi, ecc utilizza solo ed esclusivamente il TU.

6 – Scrivi la Bozza

Scrivere un articolo scrivi una bozzaNon dimenticare di scrivere la prima bozza di getto, senza pensare troppo alle regole, alla grammatica.

Non rileggere nulla scrivi sempre, perché molte volte le idee vanno più veloci delle mani e tu non devi fermarle. Allora non perdere nemmeno un idea, una parola, una frase, scrivi sempre.

7 – Pausa

Scrivere un articolo pausaQuando finisci di scrivere la bozza, non rileggere nulla, lascia perdere tutto e vai via.

Prendere un distacco da quello che scrivi è importante, perché ti permette di trovare errori, riflessioni giuste e nuove idee. Un po come farebbe una persona estranea, infatti la tua mente analizzerà il testo non come un suo prodotto, ma come un nuovo testo, mai visto prima. Prenditi una Pausa!!!!

8 – Riscrivi

Scrivere un articolo riscriviAdesso hai un articolo fatto d’idee e frasi buttate lì a caso, senza un filo logico.

Ora è arrivato il momento di riscrivere l’articolo, quindi cerca di trovare in tutta la baraonda che hai prodotto il filo logico della tua produzione. Un aiuto potrebbe essere immaginarti come il lettore, e cosa lui sta cercando in quello che tu scrivi.

9 – Il Titolo

Scrivere un articolo il titoloIl titolo è una delle parti più importanti dell’articolo, è la prima cosa che viene vista e letto dal lettore.

Avere un titolo poco inerente, e poco “stimolante”, non cattura l’attenzione del lettore e si rischia di vanificare la fatica della scrittura dell’articolo. Dedica un bel po di tempo alla scelta del titolo e dei sottotitoli, non prenderli sotto gamba, ma sfruttali per poter migliorare la comunicazione del tuo articolo.

A questo link puoi trovare alcune diritte su come scrivere un titolo efficace.

10 – Correttore di Bozze

Scrivere un articolo leggibilitàVuoi fare la differenza nel mondo del copy? Bene, dovresti avere l’opportunità d’avere qualcuno che cura la parte grammaticale dei tuoi scritti.

Bene o male un po tutti scrivono parole, ma la differenza tra un copy ed un altro può risiedere anche nella scarsa attenzione che si da alla grammatica. Molte volte si vedono anche belle idee, ma scritte con i piedi, praticamente la grammatica fa a cazzotti con la logica, leggo strutture grammaticali da brividi…

11 – Leggibilità

Scrivere un articolo correttore di bozzaUn altro piccolo passo, l’analisi della leggibilità. La leggibilità sta diventando sempre più di fondamentale importanza, c’è da guardare se ci sono paragrafi ben definiti, un elenco puntato ecc . Non dimenticare che il lettore deve avere la capacità di poter leggere l’articolo per intero, senza doversi accorgere che lo ha fatto e questo si può verificare facendo la struttura dell’articolo più snella e rapida possibile.

12 – Pubblica

Scrivere un articolo pubblicaAdesso è arrivato il momento di pubblicare, ma sta ben attento quando lo pubblichi. Cerca un momento utile per poter pubblicare, di sicuro non dovrai pubblicare un articolo alle due di notte perché non verrà letto di sicuro se non nel tempo 🙂 Quindi sta ben attento a quest’ultimo passaggio.

Scrivere un articolo…è tutto qui????

Bene o male si, rispettando questi dodici punti dovresti ottenere qualcosa di buono. Ovviamente non sono le uniche regole che dovresti rispettare, ma se vuoi lasciami pure un commento chiedendomi altre informazioni a riguardo.

Per rinfrescarti la mente te li ripeto tutti e dodici così li avrai sempre a portata di mano:

  1. Obbiettivo
  2. Perché
  3. Cerca dati e Esempi
  4. Organizza
  5. Scrivi ad una Persona
  6. Scrivi la Bozza
  7. Pausa
  8. Riscrivi
  9. Il titolo
  10. Correttore di Bozze
  11. Leggibilità
  12. Pubblica

Adesso devi solo rimboccarti le maniche, spremiti le meningi e comincia a pensare cosa scrivere 🙂

…a proposito, se hai letto fin qui e vuoi entrare anche tu nel gotha dei lettori temerari, lascia un commento con con il link al tuo blog personale, oppure al profilo Linkedin, e sarai menzionato nel prossimo articolo. Ti Aspetto 😉

Posted in Internet and tagged , , , , , .

4 Comments

  1. Ciao Enzo, bel pezzo… io personalmente non sono uno di quelli che fa una grande distinzione tra testi scritti su carta e quelli su web… studio libri dedicati a chi scrive di professione…
    Quello che trovo di bello nella professione di marketer è che devi spaziare veramente molto, e soprattutto essere capace di pescare da materie apparentemente lontane anni luce…

  2. Grazie Francesco sempre molto gentile, infatti nell’articolo traspare che la differenza tra i due modi di scrivere non c’è, almeno a grandi linee. Scrivere per il web è un po scrivere come per la carta stampata rispettando delle regoline in più, ma alla base deve comunque esserci un idea, una preparazione culturale, e un obbiettivo.

    Grazie ancora.

    ps. avrai, come da promesso, anche tu la menzione al prossimo articolo come lettore temerario 😉

  3. Articolo ottimo e molto leggibile, però nello stesso punto in cui parli della grammatica, non dovresti mettere quattro punti di sospensione invece che tre. Così come dovresti togliere lo spazio dopo i tre puntini in “È tutto qui” e non dovresti mettere quattro puntini prima di “a proposito”. Scusa eh, ma in un articolo in cui menzioni la grammatica #nonsepovede

  4. 😀 😀 😀 😀 😀
    Grazie Gioacchino, rimedierò subito a questi errori; infatti la mia preoccupazione più grande era proprio fare una pessima figura quando andavo a toccare il tasto “grammatica” 🙂
    Grazie ancora, verrai anche tu menzionato nel prossimo articolo come lettore temerario 😉

Rispondi