Sito di ricette che non c’è, ma che ha un grande successo

Sito di ricette che non c’è in tutto e per tutto, ma che si muove su i canali Social in maniera eccezionale

[Aggiornamento 13/04/2016]

Quanti siti di ricette esistono sulla faccia del web? Direbbe mia madre “Se il web cade, i siti di ricette lo mantengono”, perché alla fine un sito di ricette è sempre dietro l’angolo, il sito di ricette è sempre pronto a catturare la nostra attenzione.

sito di ricette non c'è solo socialsito di ricette non c'è solo social

Il sito di ricette non serve!

Una dichiarazione alquanto sconvolgente perché in molti, quando pensano ad un attività da far partire online, iniziano dal sito e poi i Social, invece per Tasty le cose non stanno proprio così; ma prima di parlare di Tasty penso di dire un paio di parole su chi c’è dietro questo progetto BuzzFeed.

Conosci BuzzFeed?

BuzzFeed è un sito americano d’informazione che sfrutta i web feed, quindi raccoglie notizie online come articoli di giornali, video, pod cast, immagini ecc ha tante categorie, notizie, sport, buzz, quiz, Tv e tante altre, tutto è studiato per poter creare engagment attraverso i social, infatti nella loro equipe di lavoro hanno persone che studiano il tipo di reazione che hanno gli utenti, su i social, e quindi decidono una prossima pubblicazione.

Il sito nasce negli Stai Uniti ma ha aperto tante altre realtà dedicata ai vari stati di riferimento, quindi c’è la versione Canadese, Tedesco, Brasiliana e tante altre.

E il sito di ricette?

Con tutto questo BuzzFeed è riuscito a “campare” però essendo una piattaforma ben fornita e dedita all’innovazione ha pensato di spingersi nel mondo del food, dedicando una sezione del sito a Tasty, diventando un finto sito di ricette. Parlo di un sito finto perché alla fine dei conti non ha un dominio proprietario, ma si appoggia ad uno già esistente cioè BuzzFeed, e in base a questo struttura la sua strategia online, come?

Adesso vado a spiegare.

Le ricette online non sono sempre le stesse?

Se fai un giro online i siti di ricette, e le ricette, la fanno da padrone, sono tra i più visitati ed anche quelli più commentati (questo è il motivo per cui BuzzFeed ha deciso di spingersi in questo campo), però come fare per uscire fuori, per emergere in questo campo?

Al giorno d’oggi siamo arrivati ad avere siti per ricette con una specializzazione molto forte, cioè puoi trovare il sito di ricette utili alle mamme con bimbi piccoli, il sito che parla ai ciliaci, ai vegani, o anche più generalisti, dolci, pizze ecc però se li osservi bene hanno più o meno sempre la stessa struttura, sia video che d’immagine, nulla di nuovo, diciamo che la novità, alle volte, la fa la ricetta stessa, o al massimo la chiarezza di chi lo presenta.

Nel caso di Tasty è la cosa è diversa. Il campo delle ricette è stato studiato nei minimi particolari, ed è stato modellato secondo un discorso social, e non più statico come quello che può essere un sito.

Perché ti parlo di un discorso Social…semplice perché la scelta della modalità dei video è tutta orientata verso una strategia d’impatto, di conoscenza e di visibilità.

Questo è un esempio di quello che sto raccontando

Perché ho preso un post da Facebook e non dal sito? Continua a leggere e capirai.

Una strategia Social per fare brand

Il discorso che sto facendo finora è che non sempre un sito internet è l’inizio di una strategia web, ma può essere una parte complementare, come? Semplice facendo una buona strategia Social e quindi conoscendo sul serio come si comunica innanzitutto su i social, ma come la comunicazione varia da social a social.

Comincio a dire che le video ricette sono tutte brevi, da quello che ho potuto vedere è che praticamente una ricetta non tocca i due minuti, però non è tagliata, l’utente riesce a vedere tutti i passaggi ma con una velocità molto ma molto accelerata, a fare da contorno c’è una musichetta allegra e ascoltabile, sullo stesso video sono elencati gli ingredienti e non c’è nessun cuoco, cioè non si vedono mai le persone che commentano, o che lavorano alla ricetta, ma si vedono solo le mani di chi prepara il cibo, quindi il focus dell’interno video è sulla ricetta e non su chi la fa.

Quindi, in questo modo, Tasty ha creato un nuovo modo di comunicare su qualcosa che era passato, qualcosa che era destinato ad un cliché ben definito, Tasty ha rotto gli schemi ed è stato innovativo in un campo in cui l’innovazione non c’è, o per meglio dire non si è mai cercata.

Perché la scelta di creare queste video ricette con questo tipo di tecnica?

Semplice, adesso ci troviamo in un mondo dove si ha sempre meno tempo, o meglio vogliamo dedicare il nostro tempo a tantissime cose, quindi se cerco un informazione io la devo avere subito, deve essere semplice e facile, poi, da poter applicare; inoltre la velocità con la quale ci passano le informazioni davanti è aumentata, il web è diventato molto più veloce, siamo bombardati da informazioni  e la nostra attenzione si ferma solo quando ci troviamo in una realtà a noi interessante, quindi se in pochi secondi sono riuscito ad attirare la tua attenzione il mio contenuto, tu lo vedrai più e più volte, senza nessun obbligo.

E gli altri Social????

Come ti ho raccontato finora, la strategia non è ferma ad un solo social ma utilizza anche Youtube, Vine, Instagram, Twitter, Pinterest. Ovviamente l’ossatura portante è quella di Youtube, però i video non sono diversi da quelli proposti in altri Social, questo è un esempio

da come puoi vedere lo stile non è per nulla diverso, diciamo che questo tipo di contenuto è diventato l’identificazione del brand.

Per farti capire come si gestisce la comunicazione su social diversi ho trovato la stessa ricetta proposta su Facebook e su Vine, guarda le differenze

 

Questo che vedi è il video su Facebook adesso guarda il video estratto dal profilo Social di Vine

 

Da come puoi vedere la ricetta è identica ma ovviamente quello che cambia è la velocità, anche perché su Vine i video sono al massimo di 6 secondi, ma non solo, perché facendo un giro sul profilo aggiungo che la scelta di pubblicare le ricette su Vine è legato anche al tipo di ricetta, cioè su Vine non troveremo mai un piatto che ha una preparazione elaborata, ma tutto quello che è possibile fare in maniera rapida e veloce.

I motivi sono essenzialmente due che spingono a fare questo:

  • Il primo è che l’utenza è per lo più giovane, quindi non hanno tutto questa praticità con la cucina
  • La seconda è che non è facile, o quanto meno si rischia di cadere nell’incomprensibile, concentrare la preparazione di un piatto complesso in sei secondi

Una tirata d’orecchie devo farla per la gestione di Twitter che, devo dire la verità, è fatta in maniera molto sommaria, per ora è un refresh di quello che è pubblicato su Vine, e ci sono pochi video realizzati per questo tipo di piattaforma, forse questo è dovuto anche alla scarsa interazione che sta ricevendo il Social in questo ultimo periodo, però io credo che è ancora tutto in piena sperimentazione.

In Instagram, invece, tutto è dedicato alle foto, come è giusto che sia, pochi video, ma le foto proposte sono legate alla realizzazione e al “dietro le quinte” di questa realtà web, scelta molto giusta, perché in nessun social il brand si racconta, i social sono raccolte di ricette e cibo.

Questo è un esempio di ricetta proposta su instagram


Pinterest è dedicato alla diffusione del contenuto del sito, o pagina, ottenendo anche un buon risultato di pin e repin.

Ma è sempre la stessa persona a lavorare sulle ricette?

Dover guardare le mani e identificare quante sono le persone che lavorano ad un progetto del genere non è semplice, ad occhio e croce mi sembra anche che ci sia uomini che lavorano come “cuoco”, però la scelta del bambino è bellissima

 

Perché ti segnalo questo particolare, perché questo ti può far capire che seppur il successo che sta riscuotendo, Tasty continua a migliorare, e continua a trovare e provare nuove strade, questo è il dietro le quinte della realizzazione di questo video

 

❤️🍕in the Tasty kitchen today!

Una foto pubblicata da Tasty (@buzzfeedtasty) in data:


Però anche per poter far comprendere chi si trova alle spalle di questo fantastico progetto web, il gruppo ha pubblicato una sua foto per gli auguri di Natale

Happy Holidays!

Una foto pubblicata da Tasty (@buzzfeedtasty) in data:


Da come puoi vedere, un progetto del genere non si può realizzare singolarmente, ma con un equipe affiatata e ben competente, altrimenti è inutile parlare, diciamo che facendo INVESTIMENTI si ottiene qualcosa di buono.

Adesso è arrivato il momento di dare i numeri

Come in tutte le analisi web, se clicchi qui leggi un altra che ho fatto di una realtà differente, sono i numeri che fanno la differenza, li riassumo

  • YouTube – Il canale conta 83.556, il video con più visualizzazioni è 599.245; non è il massimo del risultato perché ci sono canali molto più importanti
  • Instagram – Questo profilo conta 2.4m su solo 146 post, questo è un gran bel risultato e questo vuol anche dire che i singoli post hanno un buon numero di visualizzazioni
  • Pinterest – Questo social più legato al sezione web del brand ha 287.4k su 490 pin, quindi anche questo ha una gran interazione con i propri utenti
  • Vine – Conta 137.3k con 103.971.437 loop, su questo cosa bisogna dire…penso nulla
  • Facebook – Lascio il social da dove è nato l’intero universo, infatti la pagina conta 43.031.250 like che non sono pochi

In questi numeri mi sono fermato alla pagina e ai social statunitensi, cioè quelli indirizzati all’America, perché come ho spiegato prima il brand ha aperto altri canali con il riferimento ad altre zone del globo terrestre, ah…quasi dimenticavo questo progetto non è molto vecchio, è nato nel 2015 (almeno per quanto riguarda l’apertura dei vari profili social), quindi per decretare il successo, o meno, fatti tu due conti.

Conclusioni per un sito di ricette….ma forse anche no

Alla fine di tutto questo posso tirare le somme di tutto il discorso

La scelta d’avere o meno un sito, deve essere fatto in base al tuo progetto web, alle volte può anche essere secondario.

Bisogna sempre cercare l’innovazione, in tutto e per tutto, anche quando sembra che è stato detto già tutto, non è proprio così

Prima di partire per il web devi avere le idee chiare, da chi e a chi vuoi rivolgerti, tutto deve partire da un buon progetto, da una strategie digitale ben definita

Alla base di tutto, ci vogliono INVESTIMENTI..senza questi, anche nel web, non si va molto lontano

Sembra d’aver detto tutto e di più, se sei arrivato fin qui a leggere significa che la cosa ti ha interessato, e se mi lasci un commento sotto, magari citando il tuo blog, profilo, pagina ecc ti ringrazierò pubblicamente al prossimo articolo, come lettore temerario 😀 😀 😀

……………spero che qualcuno competente in cucina legga questo articolo, anzi se tu lo conosci condividi, perché bisogna salvare la cucina, io non posso vedere una pasta al forno fatta con i ravioli e sugo bolognese in barattolo…da brividi

Quindi se hai intenzione di intraprendere questa strada, fallo al più presto e salvaci da queste ricette, perché la nostra cucina è molto meglio, e se ti dovesse servire una prima consulenza gratuita di un social media manager io mi rendo disponibile 😉

[ In questo articolo ho dimenticato di menzionare l’altra attività portata avanti sempre con la stessa modalità Nifty, praticamente è sempre BuzzFeed, ma i video sono dedicati ai tutorial (DIY).

Questa è la pagina Facebook

https://www.facebook.com/buzzfeednifty/

Questa è la pagina dove sono raccolti tutti i video

http://www.buzzfeed.com/nifty

alla prossima novità]

Posted in Case Study, Internet, Social Network and tagged , , , , , , , , .

4 Comments

  1. Grazie mille Andrea, il mio intento era proprio quello di fornire spunti per poter lavorare sempre al meglio.
    Come da promesso, se hai un profilo social, sito web ecc. puoi scriverlo qui nei commenti ed io ti menzionerò nel prossimo articolo, perché sei stato davvero un Lettore Temerario per aver letto tutto 😀 😀 😀

    Grazie ancora alla prossima

  2. In realtà, essendo un progetto di BuzzFeed, il sito e il pubblico ce l’avevano già di partenza.
    Hanno “solo” creato una divisione tematica: 21 giovani si contano sulla foto di gruppo di instagram.
    Il progetto mi piace molto, non c’è che dire, ma sembra molto oneroso.
    Sicuramente l’investimento di BuzzFeed ha il giusto ritorno economico visto il traffico generato, e non solo verso Tasty, ma a BuzzFeed in generale (perché sul sito c’è sempre il gran menu generico)
    Sarei curioso di sapere quanto costa produrre un post multipiattaforma a Tasty dall’inizio alla fine in confronto ad uno “nostrano” tipo quelli di GialloZafferano.

    Ah, ho scritto tanto?
    Per un post lungo ci vuole un commento lungo. (Sembra una vecchia pubblicità…)

  3. Grazie Matteo per il tuo commento, molto interessante.
    Posso dirti che per quanto riguarda il costo della produzione del video, faccio un resoconto ad occhio e croce, per un video di Giallo Zafferano i costi dovrebbero essere scenografia, attrezzatura per cucina, il cuoco, luci, riprese, sceneggiatura, trucco, montaggio video, e poi adesso non mi viene altro.
    Per Tasty c’è scenografia, molto ridotta un tavolo più o meno, attrezzatura per cucina, cuoco, che non deve essere per forza uno anche esteticamente presentabile tanto bastano le mani, riprese, luci, trucco, lo metto se vogliamo considerare il manicure, montaggio video, penso che basti così.
    Se fai un confronto tra i due, ti rendi conto da solo che il video di Giallo Zafferano ha qualche voce in più di spesa rispetto a quelli di Tasty.
    Non ti preoccupare per aver scritto molto, anzi…da un lettore Temerario come te, non mi posso aspettare una cosa diversa 😀 😀 😀

Rispondi